spagna locali nottruni trabajo ragazze offro lavoro Barcellona Moog Night club Razzmatazz Shoko Piratas Pacha Elephant

Night club Razzmatazz C/ Almogavers, 122 - Barcellona. Metropolitana: Marina Linea Rossa, L1 o Bogatell Linea Gialla, L4.

Elephant Passatge dels Til.lers, 1 - Barcellona - Zona Universitaria - Metropolitana Linea Verde, L3.

locali
 
La nazione della Spagna confina a nord-est con i territori della Francia e lo stato di Andorra, a ovest troviamo la nazione del Portogallo, a est e a sud-est è delimitata dal Mar Mediterraneo mentre a sud-ovest e nord-ovest dall' Oceano Atlantico. La geografia del paese è costituita da un vasto altopiano, denominato la Meseta, delimitato a nord dalla cordigliera Cantabrica e dai Pirenei, a est dal sistema Iberico e a sud dalla Sierra Morena.
La Spagna occupa una superficie di circa 505.950 kmq è amministrata da una monarchia costituzionale e la sua capitale è Madrid.   Il territorio della Spagna è diviso in diciassette regioni autonome governate con uno statuto speciale e cinquanta provincie. la lingua ufficiale è il Castigliano (spagnolo moderno), ma in alcune regioni viene parlato il basco (euskera), il catalano e il gallego, la moneta attualmente in uso è l'euro, l'ora locale è uguale a quella italiana con esclusione delle isole canarie che contano un'ora in meno. La popolazione conta circa 41.870.000 abitanti costituiti da diverse etnie, in maggioranza spagnoli e minoranze di catalani baschi e galiziani. La religione prevalente è quella cattolica con piccole minoranze musulmane. Il permesso di soggiorno è necessario per permanenze superiori ai tre mesi. I cittadini di altre nazionalità devono informarsi presso i consolati di appartenenza per conoscere i documenti richiesti. Considerato i continui aggiornamenti legislativi in merito, si consiglia di chiedere conferma e ulteriori informazioni presso l' Ente del Turismo Spagnolo in Italia.
turismo spagna
L' estate per il Turismo Spagna è ideale per seguire itinerari ed escursioni al nord, nella costa cantabrica, da Hondarribia a La Guardia, mentre in autunno è possibile visitare l'intero paese con un ottimo clima. In inverno si consigliano le visite nell’area mediterranea, lungo la Costa del Sol e nelle Isole Canarie per il loro clima gradevole durante tutto il periodo dell'anno. Il periodo consigliato per visitare le regioni centrali della Castiglia, l’Andalusia, la costa mediterranea e le isole Baleari è la primavera quando il clima è mite e le piogge sono occasionali. Nel periodo estivo si consiglia un abbigliamento sportivo con capi leggeri, copricapo e occhiali da sole e scarpe comode per le escursioni. Abiti formali per le serate negli alberghi, Ristoranti, Hotel, Discoteche e Casinò. Vestiario più pesante per i mesi invernali con capi di mezza stagione lungo la costa.  
Per telefonare in Italia occorre comporre 0039, il prefisso della città e il numero dell'abbonato. Per chiamare un telefono cellulare selezionare 0039 ed il numero dell'utente. Per chiamare dall'Italia la Spagna digitare 0034 aggiungendo il numero dell'abbonato.

Moog Arc de Teatre, 3 - Barcellona.

Metropolitana: Drassanes, Linea Verde, L3. Il locale risulta aperto tutti i giorni dalle ore 24:00 sino alle ore 05:00.

Night club Razzmatazz C/ Almogavers, 122 - Barcellona.

Metropolitana: Marina Linea Rossa, L1 o Bogatell Linea Gialla, L4.

Shoko Metropolitana: Drassanes, Linea Verde, L3 - Barcellona.

Night Club alla moda aperto da Giovedì alla Domenica dalle 24:00 alle 3:00.

Piratas C/ Muntanya - Metropolitana: Clot Linea Rossa, L1 o Linea Viola, L2 Barcellona.

Aperto Venerdi e Sabato dalle 24:00 alle 06:00. Esibizioni e spettacoli con ballerini, mangiatori di fuoco e spogliarelliste. 

Pacha Avinguda Doctor Marañón 17 08028 Barcelona, Spain

Elephant Passatge dels Til.lers, 1 - Barcellona - Zona Universitaria - Metropolitana Linea Verde, L3.

night club
 
Il centro urbano di Barcellona è la seconda città della Spagna per numero di abitanti, nonchè primo centro della Catalogna, regione autonoma della parte nord-orientale dello stato . La posizione geografica la vede affacciata nel Mar Mediterraneo, a circa 160 km a sud dalla catena montuosa dei Pirenei e 150 dal Col du Perthus, che segna il confine con la Francia, in una pianura situata tra il mare e la catena montuosa, tra le foci dei fiumi Besòs e Llobregat. Il comune è delimitato a nord dai comuni di Santa Coloma de Gramenet e Sant Adrià de Besòs, a ovest da Montcada i Reixac e da Sant Cugat del Vallès, a sud dalla zona franca con L'Hospitalet e Esplugues de Llobregat, mentre a est rimane solo il mare.
Per arrivare a Barcellona in auto bisogna percorrere l’autostrada E15 (A7) che collega la rete spagnola a quella francese, per coloro che provengono da ovest. Proveniendo dalla zona settentrionale dell’Europa si può percorrere la A2 che unisce la città a Madrid alle Province Basche. 
Nella località El Prat de Llobregat si trova l’aeroporto internazionale di Barcellona a circa 14 chilometri dal centro in direzione sud. Lo scalo aeroportuale risulta il secondo per importanza nel paese e gestisce rotte per le principali destinazioni internazionali, sia europee che mondiali. Il centro di Barcellona può essere raggiunto con il treno nelle stazioni di riferimento Sants e Plaça de Catalunya si arriva ogni 30 minuti dalle 6 alle 22.40, oppure usufruendo del servizio bus arrivando al capolinea di Plaça de Catalunya. 
la RENFE gestisce la rete ferroviaria della Catalogna garantendo i collegamenti con le varie città spagnole ed estere. La stazione di Francia (França) è punto di arrivo e partenza per i treni veloci (TALGO) che collegano le più importanti città europee. Altre stazioni di riferimento per i collegamenti su rotaia con l’Europa sono Passeig de Gràcia e Sants.
Per chi preferisce arrivare in nave ricordiamo che il porto di Barcellona è tra i maggiori d’Europa per flusso turistico accogliendo una media di 500 mila passeggeri all’anno, oltre ad essere scalo privilegiato di numerose compagnie di crociera. Il porto catalano risulta collegato con l’Italia dal porto di Genova e con le Baleari, Ibiza e Maiorca.
turismo
Ai turisti per gli spostamenti all'interno della città di Barcellona conviene utilizzare la metropolitana che permette di raggiungere in maniera semplice le attrazioni turistiche. La rete sotterranea dispone di 5 linee e di un numero complessivo di oltre cento stazioni ed è possibile utilizzarla tutti i giorni. Normalmente l'orario dei servizi viene prestato durante la settimana dalle 5 del mattino alle 24, mentre nei prefestivi ed in alcuni festivi si prolunga fino alle 2 di notte. In casi particolari la linea della metro si collega a quella di altri mezzi di trasporto: questo accade per le colline di Montjüc e Tibidabo, entrambe raggiungibili con la funicolare, preceduta nel secondo caso dalla caratteristica tramvia blau. 

Madrid Pachà Madrid Barceló, 11 - 28004 Madrid

El Cielo è la sala indipendente dentro il Pascià Madrid, unica per le sue caratteristiche nella capitale. Apertura discoteca il giovedì venerdì e sabato.   Disponibilità per organizzazione di eventi privati nei giorni di lunedì, martedì, mercoledì e domenica, senza restrizioni di orari,  il giovedì e venerdì fino alle ore 1:00.

night club
 
Situata nell'altipiano della Meseta a 667 metri di altitudine, è una delle capitali più alte d'Europa, è la capitale della Spagna e il comune più popoloso del Paese, il terzo dell'Unione europea, dopo Londra e Berlino. I suoi abitanti vengono chiamati madrileni, madrileños in spagnolo.
Generalmente il clima nella città di Madrid è di tipo mediterraneo, gli inverni sono freschi, con temperature spesso inferiori agli 8°, e con gelate notturne e nevicate occasionali. In estate il clima risulta molto caldo con temperature medie che superano i 24° a luglio ed agosto, con massime che spesso arrivano fino a 35°. 
La capitale della spagna Madrid risulta particolarmente conosciuta per la sua vita notturna, o movida madrileña, numerose sono le discoteche. Una delle zone maggiormente frequentate per la vita notturna è il "Barrio de las Letras", in pieno centro, intorno alla piazza di Santa Ana e le vie Huertas e Echegaray. Sempre in pieno centro la Calle Arenal ospita diverse discoteche fra cui il celebre "Joy" e il "Palacio de Gaviria". Altra tempio del divertimento madrileno è il "Pachà" in Calle de Barcelò ma soprattutto il " Kapital ", situato nei pressi di Atocha. Fra le altre zone ricordiamo il quartiere Malasaña, con un pubblico alternativo di giovani, il quartiere Lavapiés, una zona multietnica, dove si suona musica fino all'alba. Anche la zona del quartiere di Chueca, , ricca di locali, ristoranti e discoteche gay è dedicata alla movida notturna. La popolazione che si è insediata da pochi anni ha trasformato il quartiere da una zona degradata ad una zona alla moda. Sono stati rimodernati numerosi edifici con conseguente aumento dei prezzi, Madrid si sta trasformando in un vero polo di attrazione per gay e lesbiche provenienti da tutta Europa. 

Minorca Cova d'en Xoroi Cala'n Porter s/n, 07712 Menorca

Un locale notturno per ballare tutta la notte con i miglori DJ internazionali.
La Cova d'en Xoroi rappresenta una caratteristica discoteca i cui locali si trovano all' interno delle grotte sulla scogliera posta a sud dell' isola di Minorca. Di giorno adibita a bar per i turisti che vogliono scoprire gli ambienti curiosi del locale, la notte musica e balli. 
Una grotta immersa nella mitologia , aperta dalla mattina all'alba, piena di angoli da scoprire. 
Una selezione dei migliori cocktail con un servizio di qualità, musica in un ambiente particolare a contatto con la natura del mare, atmosfera e relax con favolosi tramonti da ammirare.

Dopo Maiorca l'isola di Minorca è la seconda per grandezza delle Isole Baleari, presenta una superficie di 702 km quadrati e il suo nome deriva da minor, termine con cui la chiamavano i Romani. In passato nella storia del mediterraneo, prima dell'età del Bronzo l' isola nel 1900 a.C. era già abitata da popolazioni che lasciarono come testimoniznza del loro passaggio i Talayots e le Navetas, costruzioni sia funebri che con funzioni sociali, che ricordano le strutture sarde ed orientali. Lo sviluppo degli scambi commerciali nel Mediterraneo e il progresso della civiltà, l' isola conobbe una sua indipendenza commerciale che con il tempo interessava altri conquistatori e con i Romani visse una vitale e strategica importanza. Per questo motivo fu anche soggete a dominazioni straniere come quella cartaginese, inglese ed araba Le testimonianze del passato, le culture importate dagli invasori e le loro tradizioni sono ancora presenti nei siti archeologici e luoghi d'interesse oltre che negli splendidi e nobili palazzi. L'ambiente naturale e il paesaggio viene mantenuto il più possibile allo stato selvaggio per poterne apprezzare la forza e lo splendore. A Minorca si possono trovare quasi tutte le varietà degli ambienti tipici del Mediterraneo ancora allo stato puro: dal Parco Naturale, alle pinete, con riserve naturali marine, sistemi dunari e molte grotte terrestri.
La zona sud è caratterizzata da spiagge bianche, dalla sabbia fine e spesso circondate da rigogliose pinete. L'acqua è color turchese, molto simile a quella tropicale. Mentre la zona nord risulta selvaggia e meno urbanizzata, in particolare la vegetazione risente del vento di Tramontana che soffia impetuoso durante l'inverno ma che d'estate regala una piacevole sensazione di refrigerio. L'acqua delle spiagge del nord è di un verde intenso mentre le spiagge in prevalenza sono di sabbia rossa e spesso soffice come quella spettacolare di Cavalleria. Nell 1993 per la ricchezza delle sue acque Minorca è stata dichiarata Riserva della Biosfera dall' Unesco l' ambiente sottomarino prevede varietà ittiche innumerevoli, di cui alcune di queste specie vivono solamente nelle spettacolari grotte sottomarine minorchine.
Nonostante lo sviluppo del turismo di massa l'Isola di Minorca ha saputo mantenere la sua identità grazie allo spirito di conservazione della mature dei suoi abitanti, che sono riusciti a mantenere inalterate, le tradizioni e le feste tradizionali a carattere storico e religioso della popolazione menorchina, senza influenze straniere. In alcuni periodi dell' anno i centri urbani si animano di feste, balli e spettacoli equestri famosi in tutta la Spagna.
Il territorio dell' isola di Minorca è diviso in otto municipi, Mahón, Ciutadella, Es Mercadal, Alayor, Ferreries, Es Migjorn Gran, San Lluis. Le case e la struttura tipica delle abitazioni menorchine sono ancora quelle del passato, sono bianche e basse si integrano al paesaggio senza creare quel disturbo visivo che si ritrova invece in altre zone del Mediterraneo. I mentre i centri storici dei paesi mantengono inalterato il fascino storico dei palazzi più antichi.
turismo
night club minorcaPer quanto riguarda il turismo, l' isola di Minorca nel periodo estivo risulta collegata direttamente ai principali aeroporti italiani con voli charter organizzati dai principali Tour Operator. Il volo diretto da Milano, Verona, Venezia o altre città del centro-sud dura poco più di un ora. Negli altri periodi fuori stagione per recarsi sull' isola occorre munirsi di biglietti aerei per il volo Italia-Barcellona e successivamente Barcellona-Minorca. Il volo verso la città di Barcellona presenta una durata di un'ora e mezza circa, mentre per raggiungere Minorca l'aereo inpiega circa di quaranta minuti. Per via mare Minorca è raggiungibile dall'Italia con collegamenti diretti a Barcellona, poi proseguire con le compagnie marittime che effettuano la traversata Barcellona-Ciutadella oppure Barcellona-Mahon come la Acciona Transmediterranea, Balearia e Iscomar. Dal porto di Genova si può arrivare a barcellona con la compagnia Grandi Navi Veloci, mentre la Grimaldi effettua i collegamenti da Civitavecchia e Livorno.
Relativamente al turismo l' isola di Minorca non risulta economica, i prezzi variano a seconda della stagione e nel periodo estivo il costo della vita non risulta favorevole. Le lingue ufficiali parlate a Minorca sono il Catalano per evidenti ragioni storiche ed il Castigliano. La moneta corrente è l'Euro, in quanto Minorca appartiene allo Stato spagnolo e di conseguenza alla Comunità Europea. Per recarsi sull' isola occorre solo la Carta d'Identità valida per l'espatrio e la patente per guidare i veicoli. fare il viaggio con la propria auto. 
La situazione sanitaria è ottima gli ospedali principali sono il Mateu Orfila di Mahon, il Canal Salat a Ciutadella ed il Centro de Salud Es Banyer di Alaior, ma vi sono diversi centri sanitari privati che offrono assistenza in diversi campi, oltre a molti centri della Croce Rossa. Per poter usufruire delle cure mediche gratuite occorre la tessera sanitaria europea che ha sostituito il vecchio modello 111. 
Dalla Spagna per telefonare in Italia è necessario anteporre il prefisso 0039 al numero telefonico, mentre per chiamare Minorca o la Spagna si deve comporre lo 0034. Le reti mobili presenti sull' isola di minorca hanno una buona copertura, i servizi disponibili sono quelli della la Vodafone e le reti nazionali Movistar e Orange. Attualmente solo alcune zone sono attrezzate per i collegamenti Internet e Wi-Fi. Gli esercizi commerciali per la vendita dei prodotti in genere aprono dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 20.00. Nel periodo estivo i negozi delle zone più turistiche lungo la costa, come al porto di Mahon, Ciutadella, Fornells, chiudono spesso verso la mezzanotte. Non è obbligatorio come in america lasciare mance, anche se l'usanza venne importata dal turismo inglese, chi vuole può lasciare la cifra equivalente al 10 % del conto in alberghi e ristoranti. 
In genere in Spagna non si mangia prima delle 14.00 e non si cena prima delle 21.00 o 21.30, i ristoranti e bar dell'isola hanno comunque saputo adattarsi alle esigenze dei turisti. Si consigliano per gustare la cucina e i piatti tipici,
Vineria Parra
Uno dei pochi locali fuori dal porto in cui si può mangiare qualcosa la domenica sera. Buona offerta di vini, insaccati e formaggi di qualità, musica, arte, libri... San Fernando, 3 Mahón, Aperto tutto l'anno. 
Anakena
Comprende un menu completo con ricette orientali, carni macerate, salse americane e prodotti mediterranei, una scelta azzeccata per una cucina fusion. È l'unico ristorante dell'isola che offre sushi e caviale, che possono essere degustati comodamente al lume di candela e in una suggestiva zona con divani all'aperto. S'uestrà, 90. Sant Lluís. 
Adrián
Ristorante familiare per gustare i piatti più rappresentativi e tradizionali della cucina minorchina di qualità. Dal 1972 Francisca, la proprietaria, prepara piatti tipici quali pane alioli, zucchine ripiene, melanzane con coda di rospo, indivie gratinate, lumache con gamberetti, parol es forn minorchino, carni e pesci locali. Il tutto in un ambiente piacevole e accogliente.
Cala Biniancolla, nº 31 Sant Lluís 
La Caraba
Inserita nel contesto di una tipica casa di campagna di Minorca, all'interno si presentano due sale raffinate e accoglienti. La deliziosa terrazza e il giardino offrono tranquillità e un fascino particolare per godersi le serate dell'isola. Piatti immaginativi di sapori mediterranei, cucinati e presentati con creatività e ottimo savoir-faire. Invitanti tapas e dessert fatti in casa. La cantina risulta ben selezionata. 
S'Uestrà, 78 - Sant Lluis - Abierto: Junio a Octubre
Il Clima alle Isole Baleari e a Minorca si presenta mite e tipicamente mediterraneo, con la media delle temperature estive che si aggira intorno ai 26/27° permettendo, di godere il sole e il mare nelle bellissime spiagge.
Per esplorare l' isola e conoscere meglio le bellezze della natura si consiglia il noleggio di un' auto, meglio prenotarla prima di partire per evitare di rimanere senza. Le spiagge dell' isola di minorca offrono stupendi panorami con le loro fantastiche calette, sono presenti circa 70 spiagge e 130 cale a volte difficili da raggiungere per la posizione scomoda lontano dalle strade.
La gastronomia di Minorca con i piatti tipici è il risultato di numerosi influssi che nel corso dei secoli ne hanno determinato il carattere e i sapori famosa e caratteristica delle zone del Nord intorno a Fornells è la Caldereta de Langosta, specialità minorchina, preparata da molti ristoranti.

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    elena (lunedì, 02 settembre 2013 12:30)

    salve,cerco lavoro in spagna in night club,vivo in italia,vorrei cambiare un po,ho 32 enne,russa.inviate mi maggior informazione su via email.grazie

  • #2

    Claudine (lunedì, 04 novembre 2013 13:43)

    Ciao . sono venezuelana residente in italia : Cerco lavoro a Barcelona cita che conosco bene . Bionda , raffinata elegante .

    Inviarmi informazione su e-mail.

  • #3

    ivan (giovedì, 06 novembre 2014 13:41)

    Voglio guadagnare soldi spogliandomi in locali per gay

  • #4

    Lucrezia (martedì, 28 luglio 2015 15:16)

    Salve, sono una ragazza italiana di 20 anni e ho già esperienza nel campo dei night club. Cerco lavoro a Barcellona..
    Vorrei ricevere maggiori informazioni.
    Grazie per l'attenzione.

  • #5

    maria (mercoledì, 19 agosto 2015 10:23)

    Correo informazione